Il titolo del Progetto richiama volutamente un'espressione, un modo di dire che è sinonimo di accelerazione, velocità, ovvero la velocità che l’iniziativa intende imprimere sull'assunzione da parte dei giovani di comportamenti sicuri e responsabili, nel pieno rispetto delle regole previste dal Codice della Strada per la tutela e la salvaguardia della società civile. L'acronimo, inoltre, "Giovani Artefici della Sicurezza Stradale" mette in risalto l'elemento innovativo del progetto: rendere protagonisti attivi i giovani, trasformando la loro creatività espressiva e di linguaggio in codici comunicativi in grado di sensibilizzare una platea più ampia sul tema della sicurezza stradale ed, in particolar modo, sull'assunzione di comportamenti responsabili.

La strategia è quella responsabilizzare gli utenti della strada ad una giusta condotta stradale, rendendoli consapevoli dell’importanza del rispetto della vita propria e altrui, cercando di coinvolgere in primis i giovani appartenenti alle aree territoriali oggetto di intervento (Regione Calabria e Regione Lazio) senza utilizzare un approccio troppo drammatico sul tema della sicurezza stradale, ma neanche troppo superficiale o leggero.

Il senso di marcia del progetto, infatti, è quello di stimolare la creatività dei giovani sensibilizzandoli sul tema della responsabilità sociale in materia di sicurezza stradale e, più in generale, sul valore della vita: Seneca sosteneva che occorre riflettere sul senso delle scelte che ogni giorno prendiamo nella nostra vita. L’obiettivo è quello di contribuire a promuovere una nuova cultura della sicurezza stradale che riesca ad incidere sul cambiamento degli atteggiamenti, puntando su conoscenza, riconoscimento, percezione del rischio e responsabilità stradale.

La sicurezza stradale purtroppo non ha limiti, ma nella stragrande maggioranza dei casi è soprattutto una questione di cultura della prevenzione e della responsabilità, alla quale occorre educare i cittadini fin da piccoli, partendo dalla scuola per arrivare, indirettamente, alla famiglia. Attribuire agli altri o alle circostanze la responsabilità di quello che succede in strada e, più in generale nella vita, è un alibi che ci priva del potere personale di poter attivare un cambiamento e ci spinge all’immobilismo. Il risultato finale è che ognuno alimenta un circolo vizioso in cui da un lato nega i propri errori per non soffrire e, dall’altro, non riconoscendoli, continua a compiere gli stessi sbagli limitando le possibilità di miglioramento e cambiamento.

Essere responsabili alla guida significa compiere un atto d’amore verso se stessi e verso gli altri.

Il progetto

Il titolo del Progetto richiama volutamente un'espressione, un modo di dire che è sinonimo di accelerazione, velocità, ovvero la velocità che l’iniziativa intende imprimere sull'assunzione da parte dei giovani di comportamenti sicuri e responsabili, nel pieno rispetto delle regole previste dal Codice della Strada per la tutela e la salvaguardia della società civile. L'acronimo, inoltre, "Giovani Artefici della Sicurezza Stradale" mette in risalto l'elemento innovativo del progetto: rendere protagonisti attivi i giovani, ...

Leggi tutto

#circolazioneresponsabile

Ogni giorno si verificano 500 incidenti stradali che provocano all’incirca 700 feriti e 10 morti. La stragrande maggioranza di questi incidenti avviene a causa di un comportamento “scorretto” alla guida da parte del conducente. La cultura della prevenzione in materia di sicurezza stradale ha, dunque, un unico senso di marcia che porta diritti verso l’assunzione di comportamenti responsabili. La sicurezza stradale dipende da noi: basta un attimo, un piccolo gesto di responsabilità alla guida per contribuire a dare un senso alla cultura. La responsabilità è un atto d’amore verso se stessi e verso gli altri.

Contatti

Informazioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Amministrazione:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono:
+39 0984 27699

Sede operativa:
Via Francesco Petrarca, 14 - 87100 Cosenza

Sede legale:
Via Fratelli Bandiera, 25 - 87036 Rende (CS)

Cookie Policy   -   Privacy Policy

Vai all'inizio della pagina